stai visitando: » bistrot del mondo » i prodotti ed i presidi

I prodotti del Bistrot del Mondo

 
Caffè delle Terre Alte di Huehuetenango
Guatemala
 
Caffè delle Terre Alte di HuehuetenangoIl caffè del Guatemala - la cui coltivazione, introdotta dai padri Gesuiti, risale al 1773 - è uno dei migliori del mondo. Huehuetenango, situato ai piedi dei Cuchumatanes, la più alta catena montuosa non vulcanica del Centro America, è una delle aree più vocate del Paese. Le correnti d'aria calda provenienti dall'istmo di Tehuatepec, infatti, incontrando l'aria fredda che soffia sulle montagne dei Cuchumatanes, consentono di coltivare caffè fino a 1900 metri. Ed è proprio alle altitudini maggiori che si ottiene il prodotto migliore. Fino alla conquista spagnola del 1525, Huehuetenango è stato la capitale del regno Mam. Il suo territorio, nella parte nord-ovest del Guatemala, al confine con il Messico, ha un'altitudine che va dagli 850 ai 3700 metri e offre una straordinaria varietà di ecosistemi (dal bosco umido subtropicale alle pinete). Le popolazioni indigene, che costituiscono la larga maggioranza degli abitanti, discendono da differenti popoli Maya, tra cui i Mam, gli Akateco, i Chuj, i Kanjobal, gli Jacaltechi, ciascuno con una propria cultura e lingua ben distinte. A causa di una secolare esclusione sociale, aggravata dalla recente crisi internazionale dei prezzi del caffè, sono fra i popoli più poveri del Centro America. A Hueuetenango il caffè è praticamente una monocoltura e l'economia della regione dipende dalla sua esportazione. Il recente crollo dei prezzi è dunque la ragione della crisi di tutta l'area. L'unica via di uscita è diversificare: puntando sul caffè di altura e di alta qualità e introducendo altri prodotti (peperoncino, anice, ortaggi) nelle zone meno vocate. Il caffè del Presidio è ricavato da piante di Coffea arabica (delle varietà Typica, Bourbon e Caturra) coltivate all'ombra di alberi ad alto fusto. La raccolta è manuale: le ciliegie sono staccate una a una e riposte in ceste di vimini legate ai fianchi. I chicchi sono estratti dalle bacche artigianalmente, attraverso un delicato processo di fermentazione che inizia entro quattro ore dalla raccolta e dura 24-36 ore. Dopo la spolpatura, i grani seccano al sole per almeno tre giorni, continuamente rivoltati con un rastrello.
 
AREA DI PRODUZIONE
Altopiano occidentale di Huehuetenango, Municipi di San Pedro Necta, La Libertad, Cuilco, La Democracia, Todos Santos Cuchumatanes
 
PRESIDIO
Il Presidio, avviato nel 2002, ha circoscritto la zona di produzione alle coltivazioni sopra i 1.500 metri e ha coinvolto, per ora, 150 produttori. Grazie ad un accurato lavoro di mappatura sono state individuate 5 aree vocate e sono stati selezionati alcuni cru. Il disciplinare garantisce la qualità (organolettica, ambientale e sociale) del prodotto finale e presso alcune comunità sono stati attrezzati laboratori di degustazione che permettono ai produttori di imparare a valutare le caratteristiche organolettiche del proprio caffè e intervenire per migliorarlo. Sin dalle prime fasi di avvio, uno degli obiettivi del Presidio è stato quello di trovare degli sbocchi di mercato diretti per il caffè di Huehuetenango, in modo da garantire un’equa remunerazione ai caficoltori coinvolti nel progetto. Nel biennio 2004/2005 sono state importate e lavorate circa 26 tonnellate di caffè delle Terre Alte di Huehuetenango per un valore di 86433 dollari (US) di cui il 75% circa è andato direttamente ai produttori.
Il presidio del caffè delle Terre Alte di Huehuetenango, assieme al Presidio del caffè della Sierra Cafetalera della Repubblica Dominicana, fa parte del Programma “Rete regionale per l’appoggio alle associazioni di piccoli produttori di caffè” della Regione Centroamericana e Caraibica. Il Programma è finanziato dal Governo Italiano, attraverso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri, tramite l’istituto Agronomico per l’Oltremare di Firenze e vede la partecipazione della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e della ong toscana Ucodep. Iniziato nel 2007, il Progetto terminerà nel dicembre 2008. 18 mesi densi di attività con l’obiettivo di migliorare il tenore di vita dei piccoli produttori di caffè delle comunità rurali di montagna, ridurre la vulnerabilità socio-economica e culturale e rendere sostenibile la coltivazione del caffè. Il risultato del programma della Cooperazione Italiana sarà la messa a punto di un sistema di produzione e promozione del caffè di qualità in Guatemala ed in Repubblica Dominicana, che coinvolgerà circa 2.000 piccoli produttori, rafforzando la capacità di pianificazione e gestione del processo produttivo, valorizzandone i prodotti, i territori e le culture locali e la creazione di una Rete Regionale tra tutti gli attori della “filiera caffè”, dei Paesi Centroamericani e Caraibici, capace di facilitare lo scambio e la diffusione delle esperienze, accrescendo la capacità di programmazione e di gestione dello sviluppo in ambito territoriale
 
CONTATTI
Manrique Lopez Castillo
Tel. +502 53092909
1.jpg2.jpg3.jpg4.jpg5.jpg